IC-706 MKIIG

IC-706 MKIIG

Comprai la radio usata da un buon amico... sapevo come trattava i suoi trasmettitori e la cura con cui li riponeva quando non erano usati. Anche se, questo lo scoprì dopo, la radio era stata "posseduta" anche da altri... il termine posseduta esprime bene il concetto...

Non è una cattiva radio: la presenza di tutte le bande, dalle HF ai 430 Mhz e di tutti i modi di emissione, ne fanno uno ottimo strumento per l'uso fuori dallo shack, per le attivazioni e per il field day.

IC-706 MKIIG

Le funzioni sono numerose ed attivabili dal frontalino che è possibile remotizzare con un apposito kit; la ricezione abbastanza buona, con la sorpresa di ascoltare anche la banda FM 88-108 delle radio commerciali. Insomma, un ricevitore buono per tutto l'ascoltabile, con una discreta selettività e la disponibilità del DSP ne aumenta ulteriormente il valore.

IC-706 MKIIG

Piccole note negative

Uniche note negative per questa radio sono, a mio avviso, i comandi troppo piccoli e lo schermetto che, pur occupando gran parte del frontale, non riesce a mostrare bene le informazioni; ma credo che sia un problema personale, avendo mani grandi e vista non più come quella di un tempo. Pertanto, cponsidero la cosa estremamente personale.

A pensarci bene, non mi piacciono neanche gli spinotti "RJ-45" come connettore del microfono: ti devi procurare un adattatore per poterci collegare qualsiasi altro microfono dotato del classico connettore a otto poli.

La radio piccola e da 100 watt riscalda: questo non è proprio un bene...

Un'altra nota negativa è l'eccessiva integrazione che non permette di riparare da soli la radio se non con il ricorso ad attrezzature adeguate per saldare o dissaldare i componenti, oltre ad una buona dimestichezza nell'utilizzo di queste attrezzature. In questi casi, il ricorso ai centri di assistenza davvero qualificati ed attrezzati è inevitabile.