VK7BO, 2 aprile 2020

Come è possibile leggere in queste pagine e sui collegamenti del mio LOG elettronico, non è difficile fare QSO con i colleghi in Australia e Nuova Zelanda, luoghi che ritengo tra i più lontani dal mio QTH. Tuttavia, se la popolazione di OM in Oceania e Nuova Zelanda può considerarsi numerosa, certo non possiamo dire la stessa cosa per la piccola Isola della Tasmania (IOTA OC-009).

Immagine grafica della distanza percorsa

La Tasmania, che prende il nome dal suo scopritore olandese, Abel Tasman, è il più meridionale degli stati Australiani, grande tre volte la Puglia, separato dal continente dallo stretto di Bass, largo circa 240 Km. La distanza (il QRB) percorsa dal segnale è stata di ben 15.770 Km.

Normalmente, collegamenti così lontani vanno bene in 20 metri... in 40, a causa del rumore e del QSB diventano spesso impegnativi, specie se l'antenna è una piccola verticale trappolata...

Infatti, le condizioni di collegamento potevano contare sulla solita 14AVQ della Hy Gain, 300 Watt da un PA della RM e, punto forte, la telegrafia... Il rumore, piuttosto evidente, non permetteva di usare gli amplificatori d'antenna (della radio e del lineare) che avrebbero aumentato il rumore senza giovamento per il segnale.

Credo sia importante sottolinearlo: un simile collegamento non sarebbe possibile senza l'ausio del CW con queste condizioni...

Un bellissimo QSO, portato a termine con Alan, VK7BO, in pochi minuti, prima dell'arrivo di altre stazioni o del deterioramento del segnale. In queste situazioni, il tempismo è estremamente importante.

Un breve audio del segnale ricevuto

Del collegamento, ho avuto il piacere di conservare, per futura memoria, l'audio con un piccolo commento da parte mia, che è possibile ascoltare qui di seguito:

Audio: qso con VK7BO

Le condizioni di propagazione

Il 2 di aprile del 2020 è il primo giorno con il ritorno di alcune macchie solari, dopo alcuni mesi di assenza totale; normalmente, con il crearsi di alcune macchie e con i parametri A e K non prossimi ad uno mi aspetto un rumore e un certo QSB, mitigato, in questo caso, da un valore di Bz positivo e prossimo a 2. Probabilmente, è stata questa combinazione a consentire QSO con la costa est degli USA sino a tardi e la sorpresa di un collegamento con la Tasmania in 40 metri.

Condizioni di propagazione del 02-04-2020